Speciale medaglia del Presidente della Repubblica anno 2005

edizione 2015

 Luoghi dei concerti 

 Foto Gallery dove dormire dove mangiare    Produzione ed organizzazione Scrivici
 

Concert locations

  Foto Gallery Hotels Restaurants Realized   To contact
 
   

 

  ENGLISH VERSION

 

Sabato 21 MAGGIO 2016 / Saturday May 21st, 2016
piazza  San Gennaro - PRAIANO
Ore 20.30 / at 8.30 pm

DANIELE SEPE & O’ROM
INFLUENZE BALKANICHE – Balkan influences


L’impareggiabile sound del sax di Daniele Sepe e del suo ‘jazz etnico’ si sposa con cadenze e melodie della tradizione popolare dell’Europa dell’Est.
È un concerto per chi non vive nella paura, per chi ha voglia di ballare nelle piazze, per chi vuole sudare, ridere e amare tutta la notte. Daniele Sepe  nasce a Napoli nel 1960. A soli sedici anni, nel 1976 partecipa allo storico disco "Tammurriata dell'Alfasud" dei Zezi, gruppo operaio di Pomigliano d'Arco. Si diploma in flauto al Conservatorio "San Pietro a Majella" di Napoli. Dopo alcuni anni di esperienza prima come flautista classico, poi come sassofonista turnista, nel 1990 realizza il suo primo album autoprodotto: Malamusica. Nel 1993 collabora con la band napoletana 99 Posse per l'album Curre curre guaglió venendo citato nella canzone "Ripetutamente". I suoi album incontrano subito il parere favorevole della critica, ma è soltanto col quarto, Vite perdite (1993), realizzato dalla Polosud e distribuito in tutto il mondo dall'etichetta tedesca Piranha, che le vendite decollano.
Nel 1996 pubblica Viaggi fuori dai paraggi, la sua prima antologia, con la quale ha inizio una collaborazione con il manifesto che dura sino al 2007.
Nel 1998 l'album Lavorare stanca gli frutta la targa Tenco come migliore album in dialetto.
Nello stesso anno diventa maestro concertatore alla prima edizione del festival "La Notte della Taranta" a Melpignano Nel 1999 partecipa al progetto La notte del Dio che balla con - tra gli altri - Teresa De Sio e Vinicio Capossela.
Numerose sono le sue collaborazioni con altri musicisti (La Banda Improvvisa, Ensemble Micrologus) e con registi cinematografici e teatrali (Mario Martone, Davide Ferrario, Gabriele Salvatores - Amnèsia -, Enzo D'Alò, Renato Chiocca, Terry Gilliam - "The Wholly Family").
Difficile definire la sua musica, sempre in bilico tra reggae, folk, world music, jazz, rock, fusion, blues, musica classica... una sua caratteristica costante è il modo quasi "zappiano" di affrontare la scrittura e l'arrangiamento. Daniele Sepe così definisce il proprio stile: La musica è fatta di tante cose molto diverse fra di loro, è così come un regista fra loro di genere, pensa a Kubrick dall'horror alla fantascienza ad un film storico tutti fatti bene, io spero di fare cose molto diverse fra di loro e tutte fatte bene.
O’ROM
Gli 'o Rom nascono nel 2008 dall'incontro tra musicisti napoletani con diverse esperienze nella “world music” e musicisti di strada rumeni. Nasce così il primo e più longevo esperimento di fusione tra musiche tradizionali dell'Italia Meridionale, musiche balcaniche e di tradizione rom, un vero e proprio progetto di integrazione che prova ad attirare l’attenzione sul tema della discriminazione e dei pregiudizi. Ne viene fuori una miscela di sonorità originale, suggestiva ed esplosiva!
Nel 2012 gli 'o Rom hanno pubblicato il loro primo lavoro discografico, "Vacanze Romanes" (Terre in Moto), che è un vero e proprio live in studio, senza soluzioni di continuità tra un brano e l'altro, per restituire all'ascoltatore la freschezza e la visceralità delle inconfondibili performance dei sei. Un'avventura tra Campania, Est europeo e Mediterraneo: 11 pezzi vorticosi e raffinati, con reminiscenze swing, gipsy e manouche. Un live in cui il linguaggio Zigano della Fisarmonica, si fonde con le melodie Jazz del sax ed i suoni Mediterranei dei tamburi a cornice, la chitarra Manouche accompagna i melismi di un canto ricco di contaminazioni, i tempi dispari si alternano a rumbe zigane e ritmi in levare. Un’esibizione che vede il suo fulcro nella contaminazione: da un lato, il sodalizio di retaggi e patrimoni artistico-culturali diversi eppure capaci di fondersi.

 


Venerdì 8 LUGLIO 2016 / Friday July  8th, 2016
piazza San Luca - PRAIANO

Ore 21.30 / at 9.30 pm
PIERO GALLO QUARTET
Special guest M’BARKA BEN TALEB

In Diario Mediterraneo – The Mediterranean Diary
Ending with Folk Music
piero gallo taleb

Se Jimi Hendrix avesse imbracciato un mandolino e vissuto tra le strade di Napoli, forse oggi non potremmo presentare un progetto così innovativo e moderno, sarebbe una copia, ma visto che ciò non è accaduto, il Piero Gallo Quartet è una cosa mai vista prima, forte, impetuosa, romantica ma allo stesso tempo rock!

Piero Gallo, leader della band, vanta innumerevoli esperienze significative con artisti del calibro di Enzo Avitabile, James Brown, Randy Crafword, Kaled, Africa Bambata, Planet Funk, Salomon Burke, Enzo Gragnaniello, solo per citarne alcuni, e da ognuno di loro ha preso una briciola per miscelarla, nel buio del suo intimismo e fonderlo su quella sua “mandolina” che più che suonare picchia duro, portando l’ascoltatore per mano, tra i rumori delle medine, le voci dei suk, i sospiri del deserto e le onde che si infrangono sui porti di mare. Un viaggio onirico a cavallo di un quartetto in pure stile classic rock e dall’inequivocabile impatto sonoro che lascerà l’ascoltatore a bocca aperta. Da non perdere! 

M’BARKA BEN TALEB Di origini tunisine, da diversi anni vive e lavora in Italia, dove ha inciso nel 2005 il suo primo album da solista, “Alto Calore”.

Prevalentemente autrice di brani di musica etnica, ha ricantato in arabo diverse canzoni napoletane, tra cui Indifferentemente, Nun te scurda', Luna Rossa. L'artista infatti ha vissuto a lungo a Napoli, dove ha collaborato con Eugenio Bennato, Tony Esposito, Pietra Montecorvino, Nava, Lino Cannavacciuolo, Gigi De Rienzo, Gigi Finizio.

L'intento dell'artista è quello di esaltare il legame profondo tra le due culture musicali mediterranee, quella tunisina e quella napoletana, combinandole con sonorità neo-melodiche.

Nella pellicola musicale del 2010 Passione di John Turturro M'Barka interpreta le canzoni Nun te scurda' con Raiz e Pietra Montecorvino, Tammuriata nera con Peppe Barra e Max Casella e da solista 'O sole mio (cantata in arabo interamente al di là del ritornello).

Il regista italo-americano ha voluto M'Barka anche nel suo film Gigolò per caso che vede nel cast Woody Allen, Sharon Stone, John Turturro, Sofia Vergara e Vanessa Paradis. In questo film M'Barka Ben Taleb interpreta il personaggio Mimou cantare I'm Fool to Want You e Luna rossa.


Domenica 17  LUGLIO 2016 / Sunday July  17th , 2016
piazza San Gennaro - PRAIANO
Ore 21.30 / at 9.30 pm


LA MASCHERA
“Te vengo a cercà” – “I’m looking for you”


La Maschera

Si chiamano "La Maschera" e provengono dalla periferia nord-est di Napoli.
Ma non lasciatevi ingannare dal nome, perché, in verità, non hanno la benché minima intenzione di mascherarsi o di nascondersi. Tutt'altro! La musica è senz'altro un utile espediente per divertirsi, per aggregarsi, per trascorrere insieme qualche ora, per evadere dal grigio e dalla monotonia periferica, ma, nel loro caso, riesce ad essere molto altro e molto di più... Essi sono, infatti, estremamente motivati, tutt'altro che rassegnati, e la loro musica, nelle canzoni più critiche ed impegnate, sembra essere una decisa risposta sociale ai pochi stimoli che ci vengono forniti dall'odierna società e una diretta accusa volta a smascherare, per l'appunto, i troppi vizi e difetti dell'Italia e della Napoli contemporanee. La loro è la volontà, comune a tanti altri giovani, di ripartenza, di cambiamento, di alternative, e la musica può essere senza dubbio un veicolo, che tiri fuori l'ardore, la passione non ancora sopita, la creatività, tutto quello, insomma, che questa società ignora, trascura, forse, addirittura, teme, come recita "Il ballo del potere"! E non vogliono neppure mascherarsi per quanto riguarda la loro proposta musicale... Intendono essere fin da subito immediatamente riconoscibili, grazie ad un sound fresco, sperimentale, lontano dai cliché, che oscilla tra la canzone d'autore, molto originale in quanto ai testi (che valorizzano il cantato in dialetto), la bossa e il blues... Essi, insomma, ce la mettono tutta per riuscire a far tornare il sorriso al rassegnato Pulcinella e per far tornare il sereno su questa città.
Roberto Colella - Voce, Chitarra, Tastiere
Vincenzo Capasso - Tromba
Eliano Del Peschio - Basso
Marco Salvatore - Batteria
Alessandro Morlando - Chitarra Solista

Venerdì 19 Agosto 2016 / Friday August 19th, 2016
piazza San Luca - PRAIANO
Ore 21.30 / at 9.30 pm

SOSSIO BANDA
“Sugne Tour” – la world music dell’Alta Murgia pugliese
“the Dream Tour”  - Alta Murgia (Puglia Region) world music

logo sossio bandafoto di gruppo sossio

 

La Sossio Banda è un gruppo di musica originale e mediterranea, antica e meticcia allo stesso tempo. Il Mediterraneo, il mare in mezzo alle terre, da sempre separa i continenti e insieme unisce nel suo grembo le civiltà che sono nate sulle sue sponde. Nel Mediterraneo i punti cardinali si sono incrociati e la frontiera è sempre stata la casa dei popoli rivieraschi. Ma le frontiere per cosa sono fatte se non per essere varcate? La musica murgiana, ilsuono di terra e aria che ha fatto crescere la Sossio Banda, diventa il passaporto per un viaggio diverso da tutti gli altri... attorno al Mediterraneo, puntando la prua oltre alle Colonne d’Ercole. - See more at: http://www.sossiobanda.it/it/home#sthash.wIvBEkHZ.dpuf

È una formazione di 6 musicisti, considerata tra le proposte più interessanti nel panorama della World Music italiana.
La musica della Sossio Banda parte da sonorità dell’Alta Murgia pugliese, terra d’origine del gruppo, contaminate da ritmi e influenze dell’area mediterranea attraverso l’utilizzo di strumenti tradizionali e non. Il repertorio comprende brani inediti e pezzi della tradizione pugliese rivisitati e riproposti in chiave World che danno alla banda un sound innovativo che tratta temi universali quali l’integrazione socio-culturali, pace e fratellanza tra i popoli.
Nel corso dei loro primi 6 anni insieme hanno ottenuto numerosi premi, tra i più importanti:
2015 - Vincitori Premio "Etnie musicali" 
2014 - Premio "un certain regarde" Musicultura
2012 - Vincitori Premio Umbria Folk Festival
2010 - Premio “Innovazione e Ricerca” al Castel Raniero Folk Festival
2010 - Primi classificati Premio Andriese di Musica giovane
2009 - Primi classificati al Premio Andrea Parodi per la World Music italiana
2009 - Vincitori Folkontest
2008 - Vincitori Premio ANCI “Memorie e Musiche comuni”

•• Il primo album SUGNE••• Primo anno di vita molto intenso per "Sugne” (in italiano “sogno”), il primo disco, che ha accompagnato la Sossio Banda per un lungo e fortunato tour in Italia e all’estero. Progetto unanimemente apprezzato da critica e pubblico accompagnato da numeri di vendite molto confortanti per un’opera prima indipendente, riscuotendo molteplici consensi.

Francesco Sossio: sax, clarinetto, fiati tradizionali

Loredana Savino: voce

Tommaso Colafiglio: chitarre

Pasquale Barberio: fisarmonica

Francesco Leoce: basso acustico

Michele Marrulli: batteria, tamburi a cornice

 


 

Venerdì 2 Settembre 2016 / Friday September 2nd , 2016
piazza San Luca - PRAIANO
Ore 21.30 / at 9.30 pm


FLO
Floriana Cangiano quartet in CONCERTO
IL MESE DEL ROSARIO – The month of the Rosary

Floband flo

 

Flo (ALIAS FLORIANA CANGIANO) CANDIDATA AL PREMIO TENCO 2016 è di sicuro una delle personalità più eclettiche e versatili tra le nuove leve del panorama musicale italiano. Interprete raffinata e autrice originale, Flo ha saputo trasformare le sue esperienze musicali (dal musical “C’ era una volta…Scugnizzi” di Claudio Mattone, alle collaborazioni al fianco di artisti come Lino Cannavacciuolo e Daniele Sepe) in uno stile peculiare ed intenso, in cui lingue e suggestioni si mescolano continuamente.
Ha recitato diretta da Davide Iodice, Mimmo Borrelli, Alfredo Arias accordando così il gesto alla vocalità viscerale ed accattivante.
A fianco del chitarrista e compositore Ernesto Nobili e più tardi del percussionista Michele Maione e del violoncellista Marco Di Palo, ha inizio nel 2011 la sua carriera da solista.
La sua musica é l’ evocazione di un altrove, di un sud immenso ed immaginario; è la cronaca di città ed esistenze sospese nel tempo e nello spazio, in perfetto equilibrio tra pietà e disincanto. Il loro suono spregiudicato, ritmico e pulsante li ha condotti in tour in Italia e in Europa.

 

Domenica 18 Settembre 2016 / Sunday September 18th , 2016
piazza San Gennaro – PRAIANO
Ore 21.30 / at 9.30 pm

LE LOVING - I TRE SOPRANI
Dirette dal M° Antonello Cascone con Sasà Trapanese
SPECIAL GUEST ENZO GRAGNANIELLO

lE LOVING

Le Loving è un progetto musicale del M°Antonello Cascone arrangiatore di Andrea Bocelli, il quale ha unito tre soprani dal timbro vocale diverso che propongono un repertorio di classici napoletani e di evergreen internazionali accompagnati al pianoforte dal M°Antonello Cascone.
Il concerto e’ inframmezzato da interventi teatrali dell’attore napoletano Sasa’ Trapanese. Questo gruppo il 7 agosto 2014, ha duettato a Ischia in occasione del premio internazionale “Ugo Calise” con Andrea Bocelli. Il 7, 8 e 9 ottobre 2014,si sono esibite a Rai 2 nel programma “I Fatti Vostri” condotto da Giancarlo Magalli accompagnate al pianoforte dal M°Antonello Cascone e dall’orchestra diretta da Demo Morselli. Il 24 novembre in occasione del premio “Napoli C’e” si sono esibiti al Teatro San Carlo di Napoli.

M° Antonello Cascone
Dorothy Manzo - voce
Erin Wakeman - voce
Sonia Baussano - voce

 

 


Evento organizzato da
COMUNE DI PRAIANO
ASSOCIAZIONE PELAGOS

Direzione artistica a cura di Acquariosonoro


la partecipazione a tutti gli spettacoli libera e gratuita